Preloader

1Voltan armadio

Showroom

2Spar camera da letto

Showroom

Filosofia Cosa ci piace essere

"Dal particolare al generale, dal dettaglio all’insieme, dal singolo mobile all’arredamento completo.
Per costruire un ambiente armonico, che rispecchi i tuoi desideri, la tua personalità, le tue esigenze pratiche e estetiche...
Insieme a te, per arredare e valorizzare lo stile della tua casa."

News Varie dal nostro blog

  • Secalf Experience
    Venite a scoprire la nostra selezione di prodotti "Experience" !! 

    La linea "Design Experience" ambienti unici e raffinati firmati dalle migliori ed esclusive aziende dell'arredamento italiano: Lema, Lago, Poltrona Frau, , Camerette Tumidei, cucine Veneta Cucine, Lube e tanto altro.....

    La linea "Smart Experience" vasta raccolta di prodotti in cui il rapporto qualita' - prezzo Vi stupira'!!!

    La linea "Classic Experience" ambienti caldi e eleganti in stile classico o neoclassico prodotti dai migliori artigiani veneti e toscani o il prestigioso marchio Le Fablier.

    Vi aspettiamo!!!!




  • Le luci bianche
    Lampade di design sì, ma in total white: il monocolore assicura minimo impatto visivo e massima libertà compositiva. Complice la tecnologia Led, che cambia il ruolo dell'illuminazione.
    Il colore è fondamentale nel progetto illuminotecnico. E il bianco, in questa senso, è una scelta capace di far scomparire il corpo di una lampada, in un ambiente total white, in modo da esaltare la fonte luminosa e l’architettura nella quale viene inserita. Specie nel caso di apparecchi minimal, questa scelta può creare un effetto di armonia e forte integrazione con l’architettura,  sia che si tratti di una piantana, sia che si tratti di una lampada da tavolo.
    In alcuni casi la scelta del LED a luce bianca rafforza ancora di più questa soluzione. Ma optare invece per un LED colorato, a contrasto con un corpo luminoso evanescente, si propone come un opzione di effetto che non spezza la continuità cromatica tra lampada e ambiente.
    Il minimalismo luminoso può diventare una necessità se applique o plafoniere sono al servizio di corridoi e disimpegni, spesso di dimensioni ridotte. Qui le lampade devono essere meno invasive possibile: compatte e discrete, illuminano senza alterare l’equilibrio d’insieme.
    Grazie all’evoluzione tecnologica dei LED, le lampade tendono a diventare più piccole e permettono di illuminare gli spazi in modi nuovi e creativi. Philips Hue Go, ad esempio, consente di scegliere tra una gamma di 16 milioni di colori. Portatile, e con un’autonomia di 3 ore, con la sua tecnologia ci dimostra che gli effetti di luce possono variare a seconda delle nostre esigenze: dalla luce bianca calda funzionale a quella luce fredda energizzante, passando per luci dinamiche naturali.
  • Salone del Mobile di Milano
    Nell’era della globalizzazione e della digitalizzazione, l’immagine di ogni brand si sottopone a una continua revisione per seguire i rapidi cambiamenti di istanze, gusti e scelte del consumatore. Protesi tra tradizione e proiezione verso il futuro, spinti a sottolineare il passato, o la tecnologia del domani, l’innovazione permanente.
    Ma come diceva Einstein “non penso mai al futuro; arriva sempre così presto", la linea di separazione tra passato e futuro è fluttuante e l’oggi sembra solo un attimo di passaggio.
    Ecco che il Salone del Mobile.Milano, riconosciuto come punto di riferimento del design e del sistema dell’abitare internazionale, si è trasformato nel tempo da fiera a “momento must” e grazie al suo linguaggio artistico che ha percorso la sua storia con una sintesi visiva e verbale ha saputo affascinare il suo pubblico con un’area di iconicità.
    Un’immagine di una nuova campagna olistica deve invitare e celebrare. Essere tattica e strategica assieme, stimolare la partecipazione e mostrare la storicità dell’evento. Cosa c’è di meglio di uno sguardo e di una 55a edizione? Un occhio e un numero: la semantica non sbaglia mai. Un occhio è una sostituzione del prodotto, o meglio delle migliaia di prodotti che saranno esposti. Un occhio è il controcampo dell’oggetto visto, ma è anche un simbolo che ci suggerisce una visione. Ma è, infine, il primo simbolo usato dal Salone nel 1960. È la sua origine, la sua nascita, i primi anni dei primi successi.
    È questa l’idea creativa che Lorenzo Marini (Agenzia Lorenzo Marini Group) ha realizzato per il Salone del Mobile.Milano: un messaggio che riparte dalle prestigiose origini grafiche che viene riattualizzata dall’esperienza su più fronti e dalla competenza grafica di Lorenzo Marini, elementi che nel tempo lo hanno caratterizzato sia come pubblicitario che come artista.
    Il 55 è un avvenimento, non solo un numero. Foneticamente è musicale, memorabile, ripetitivo. Ma semanticamente celebra senza pesantezza, afferma un punto d’arrivo, conferisce spessore a tutta la kermesse. Dice che veniamo da decenni di successi.
    Ecco dunque la nuova immagine della campagna: l’omaggio culturale a un citazionismo artistico che parla di design anni ’60 per celebrare le origini, ma anche di un rigore e di una leadership assoluta, espressa attraverso il colore nero, fondale assoluto su cui possono brillare i colori primari di numeri e occhio, di date e di promesse. Il livello verbale diventa ancora più assertivo. “O ci sei, o ci devi essere” vuol dire che certe occasioni creano due livelli dove l’uno esclude l’altro, o sei dentro o sei fuori. Diventa partecipazione mentale e spirituale, ombelico energetico di un evento che è molto più grande della sua superficie fisica.
     

Leggi tutte...

Mobili SecalfSpot Mobili Secalf Experience

Mobili Secalf Spot Mobili Secalf Experience

Alivar
Calligaris
Cattelan Italia
Colombini Casa
Creo Kitchens
Di tre Italia
Forma 2000 Cucine
LaFalegnami
Lago
Le Fablier
Lube
Mobilificio Santa Lucia
Nidi
Pianca
Poltrona Frau
Riflessi
Samoa
San Giacomo
Scab
Spar
Spazio Relax
Tomasella
Tumidei
Varier
Veneta Cucine
Voltan